Libri consigliati 0-6 anni. Quali sono i criteri di selezione?

Quando ho iniziato a leggere ai miei figli, mi sono sempre chiesta quali fossero i libri più adatti in base all’età. Documentandomi, ho scoperto molti spunti interessanti che ho il piacere di condividere con voi.

Prima di addentrarmi però nella suddivisione per fasce di età e nel concreto dei libri che vi consiglio, ci tengo a precisare 3 cose:

1- Quando si propone una lettura a un bambino è necessario tenere conto del suo punto di partenza. Se un bambino incontra un libro per la prima volta a due anni, le sue capacità di comprensione saranno diverse da un bambino della stessa età abituato però a leggere molto di più.

2- Per convenzione, ogni libro destinato ai piccoli ha solitamente indicata l’età di lettura consigliata. Ecco, ci tengo sempre a ribadire di considerarla con molta elasticità. Lo vedo nel quotidiano con i miei figli: capita che legga al grande (5 anni) libri del piccolo (3) e vi assicuro che sono adatti, per motivi diversi, a entrambi. Per questo non c’è da stupirsi se magari a 5 anni vorranno riprendere a leggere un libro che leggevamo loro da più piccoli. Non consideriamo i libri come un paio di scarpe che, cresciuto il piede, non serve più. Un libro è valido sempre e può essere scoperto e ripreso in diverse fasi. A voi non è mai capitato di riprendere in mano un libro che vi leggevano da piccoli? Un libro in fin dei conti è un oggetto che può essere intriso di ricordi. Un libro emoziona non solo per il contenuto o la storia che contiene, ma anche per il vissuto che ad esso è legato: leggere è un’esperienza presente ma al tempo stesso può essere un bel ricordo da custodire per il futuro. Un libro quindi è per sempre.

3- Sull’importanza della lettura e dei motivi per cui vale la pena leggere ne ho già parlato in questo video. Vorrei però precisare che leggere ai bambini nei primi 1000 giorni di vita (fino quindi ai 3 anni) farà la differenza, perché in questo periodo il cervello del bambino raggiunge una ricettività agli stimoli esterni che mai più si ripeterà uguale. In questa primissima fase il cervello è come una spugna assorbente, perché le connessioni tra i neuroni raggiungono il loro picco assoluto, dopo i 3 anni il processo di apprendimento inizierà a rallentare (per approfondire vedi qui intervista a Giovanna Malgaroli di Nati per leggere).

Ed ora passiamo ai libri consigliati suddivisi per età, se cliccate sulle immagini o sui titoli in verde, si aprirà il link che vi permetterà di leggere le recensioni ed eventualmente acquistare il libro se lo desiderate.

0-6 mesi LIBRI TATTILI

Il neonato alla nascita riesce a vedere in maniera sfocata e solo in bianco e nero. Le prime immagini che il bambino fa proprie sono caratterizzate da contorni netti, regolari e lineari. Già a tre mesi il bambino è in grado di distinguere un volto sorridente da uno imbronciato.

In questa fase iniziale è bene quindi prediligere libretti in bianco e nero, con forti contrasti cromatici e raffiguranti volti, motivi geometrici semplici o immagini di oggetti quotidiani ben centrati nella pagina.

Black on white libri primi mesi Primi libri tattili animali Fiona Watt

Il primo approccio al libro è un approccio fisico, per questo la lettura di libri tattili è immediata e stimolante. Questi ultimi sono solitamente morbidi, di tessuto, di stoffa o con inserti di diversi materiali. Verificate che rispettino le norme a marchio CE e che siano realizzati con materiali atossici dal momento che, in questa fase, il mezzo che i bambini utilizzano per conoscere un oggetto è la bocca.

Libretti quindi che siano “gradevoli al tatto” e facili da “maneggiare” che possano aiutare i bambini a familiarizzare con l’oggetto-libro.

Tuttavia, in questo periodo, il bambino vive ancora in un rapporto simbiotico con la mamma, per cui ciò che ama e apprezza più di ogni cosa è il suono della voce, il canto, la filastrocca e le ninna nanne. Potete quindi alternare libri tattili a libri filastrocca, scioglilingua, che potrete iniziare a leggere già in questa primissima fase (anzi, già nel pancione il suono della voce della mamma che legge o canta è gradito).

tararì taratera emanuela Bussolati Mamma Lingua Bruno Tognolini

6-12 mesi I PRIMI LIBRI

Verso i 9 mesi lo sguardo del bambino si fa più attento, inizia a leggere i visi e infatti il riconoscimento delle prime immagini avviene intorno ai 12 mesi. Sempre intorno all’anno di età il bambino è pronto per distinguere la differenza tra un gioco e un libro. Questo è il momento giusto per proporgli dei libretti veri e propri con pagine di carta un po’ spesse e cartonate, magari ancora di piccolo formato in modo che siano ancora maneggevoli. I soggetti dei libri possono essere quelli della loro quotidianità così come quelli raffiguranti animali e i corrispettivi versi possono essere molto apprezzati.

Pino uccellino Bohemini libri 6-12 mesi buongiorno sole minibohemini il mare libri tattili fiona Watt
Paco e l'orchestra Fabbri editori dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini il castoro

Verso l’anno di età è possibile introdurre i primi libri sonori che richiedono un’attiva partecipazione del bambino come ad esempio schiacciare le immagini raffiguranti l’animale per sentirne il verso o in altri casi l’oggetto per sentire e riconoscere il rumore che fa (come ad esempio “Cos’è questo rumore Spotty?“)

12-18 mesi LA PROTOSTORIA

Dai 12 mesi il libro è una scoperta. Per questo motivo possono essere apprezzati quelli che presentano buchi, finestrelle, alette da alzare (possibilmente senza strapparle irrimediabilmente). Tenete quindi a portata di mano lo scotch per limitare i danni…

Prime parole Emme edizioni Brucoverde la coccinella che verso fai libri con buchi

Il bambino sta iniziando anche a scoprire il mondo che lo circonda perché è in questa fase che muove i primi passi. Potrebbe anche aver iniziato a parlare, dovrebbe usare o quanto meno riconoscere bene 20 parole. In questa fase gli piace molto sfogliare libri con qualcuno e indicare con il dito le figure e, soprattutto, il libro è ancora un oggetto da scoprire quindi sarà per lui divertente leggerlo anche al contrario partendo dalla fine, saltando le pagine, senza una successione logica.

      Non ho sonno l'uovo e la gallina Iela Mari Estate con nuvola olga - nicoletta Costa

La lallazione inizia già verso gli otto e nove mesi, ma solo tra i 12 e 18 mesi si assiste alla fase onomatopeica, cioè alla capacità di attribuire suoni alle cose, di dare un nome agli oggetti, agli animali, alle persone indicandoli con parole semplici e brevi che ne imitano i rumori: ad esempio l’automobile diventa la brum-brum.

A partire dai 18 mesi  si possono proporre le “protostorie”, o meglio storie brevi e semplici caratterizzate da una trama essenziale che prevede un inizio, uno svolgimento e una fine. I temi affrontati sono quelli famigliari della routine quotidiana magari spezzata da un imprevisto che solitamente il protagonista riuscirà a ristabilire con l’aiuto di altri personaggi secondari. Questa tipologia di libri è solitamente “seriale” così da permettere ai bambini di ritrovare, calato in situazioni differenti, lo stesso amato personaggio. Vi ricordate la Pimpa? Ecco, su questo storico esempio sono nati anche il cane Spotty, la Nuvola Olga, Giulio coniglio, Pulcette, Mucca Moka.

Inoltre, nel suo processo di apprendimento inizia ad affacciarsi la consapevolezza di un prima e un dopo. Ecco perché un libro come “quando il sole si sveglia” o “Nel cielo e nel mare” soddisfa proprio questa curiosità del bambino.

18-24  mesi LIBRO STRUMENTO DI APPRENDIMENTO

Il vocabolario del bambino è in costante crescita e quindi chiede il nome degli oggetti o degli animali che vede nei libri e che ancora non conosce. In questa fase sta imparando a girare le pagine singolarmente e ripete piccole sequenze di storia, inoltre anticipa o completa le frasi del libro. Gli piacciono i libri che parlano di animali o di azioni della sua quotidianità.

I bambini continuano anche a questa età ad apprezzare molto le onomatopee, le rime e i versi degli animali, perchè nella ripetizione dei fonemi il bambino trova la magia, inoltre perchè le onomatopee possono essere inventate anche se non si conoscono ancora tutte le parole e rappresentano il primo vocabolario del bambino.

E’ verso i 24 mesi che il bambino inizia a comporre le sue prime frasi e di conseguenza anche l’approccio alle storie narrate nei libri cambia e l’ascolto è più consapevole. Verso i due anni è sempre più autonomo e vi potrà capitare di vederlo girare per casa con un libretto in mano che ormai maneggia nel modo giusto. Apprezza molto le storie divertenti.

il piccolo bruco mai sazio eric carle Il piccolo grillo zitto zitto eric Carle Filastrocche degli animali Galucci Editore Jolanda Restano Nicoletta Costa
      aspettami libri 18-24 mesi Piccolo Pisello zoolibri lupo in versi libri bambini 18-24 mesi

Dai 2 ai 3 anni  IO LEGGO DA SOLO  

Il bambino ha ormai dimestichezza con i libri, anzi, possiamo dire che saprà indicarci i suoi preferiti e magari amerà farsi leggere la stessa storia per più sere consecutive. Ascolta bene la storia e presta attenzione che l’adulto la legga senza sbagliare. Il suo vocabolario comprende ormai 450 parole e sono anche molte le immagini che sa riconoscere.

In questa fase ama infatti correggere l’adulto se per caso si dimentica di leggere una parola che lui sa bene esserci nella sua storia preferita. Può capitare che vada subito alla fine del libro che ormai ben conosce, o che chieda di leggere solo alcune parti.

In questo periodo inizia a sperimentare la sua autonomia: la fase nota come i terribili due (o terrible two) vede il bambino protagonista indiscusso e il suo slancio di autoaffermazione si traduce spesso in continui “no” e atteggiamenti che possono essere interpretati dall’adulto come “oppositivi”.

NO di claudia rueda Lapis edizioni   Orso Buco Nicola Grossi Minibombo il libro arrabbiato ANIMALI-DELL-OCEANO-fatatrac


Dai due anni e mezzo in avanti  si può iniziare a leggergli anche albi illustrati dal grande formato che affrontano diverse tematiche:

  • libri sulle emozioni e il loro riconoscimento
  • libri per conoscere se stessi e gli altri
  • libri sulla diversità e il senso di appartenenza
  • libri sulle paure (paura del buio, dei mostri, dell’abbandono)
  • libri sull’amicizia e sul cambiamento (ad esempio questa è l’età in cui arriva un fratellino/sorellina)
  • libri sul rispetto per l’ambiente e gli animali
        Emozioni libro Mies Van Hout Lemniscaat Tre piccoli Gufi edizione mondadori

Per chi volesse approfondire a questi link le mie videorecensioni

I tre piccoli gufi

Emozioni

le 10 cose che posso fare per aiutare il mio pianeta Melanie Walsh il pentolino di Antonino Kite edizionie disabilità e resilienza

Il pentolino di Antonino

Le 10 cose che posso fare per aiutare il mio pianeta

Dai 3 ai 6 anni LEGGIAMO INSIEME  

In questa fase è ormai un piccolo lettore. Ha la sua lista di libri preferiti e adora scoprirne di nuovi. Leggere un libro insieme diventa un ottimo pretesto conversazionale per approfondire con lui alcune delle tematiche elencate qui sopra e che fanno parte inevitabilmente della sua quotidianità e del suo mondo immaginario.

Il suo linguaggio ormai è ben sviluppato quindi potrebbe piacergli, seguendo le immagini del libro, essere lui a leggere la storia offrendone magari una sua personalissima interpretazione.

In questa fase c’è la scoperta dell’io, del proprio corpo e del mondo. Non solo, ma dai 3 anni in avanti l’assunto montessoriano dell’ “aiutami a fare da solo” è di rilevante importanza. Inoltre vive un periodo caratterizzato da un’intensa dinamicità cognitiva, che spazia dalla curiosità di voler sapere tutto all’immersione nel mondo magico.

E’ bene proporgli quindi ancora libri sulle emozioni ma anche sulla conoscenza di sè, dei propri limiti o risorse può aiutarlo in questo viaggio di autoconsapevolezza identitaria.

Può continuare ad apprezzare anche libri in rima come “Parole di latte” che evoca ricordi legati al suo primo nutrimento: il latte.

     Un pesce è un pesce Leo Lionni Babalibri Pezzettino Leo Lionni Babalibri Ettore Settenove Magalì Le huche

Qui sotto i link alle video recensioni

Un pesce è un pesce

Pezzettino

Ettore

Gli piacciono ancora i libri sugli animali, sugli ambienti acquatici, marini e terrestri. Dai 4 anni inizia anche la fase dei “Perché”: perchè il sole è giallo, perchè il mare è salato e via all’infinito. Può quindi apprezzare inventari o atlanti illustrati che classificano piante, pesci e animali di ogni specie. Per i genitori che non vogliono sentirsi troppo sotto esame per tutti gli altri argomenti, consiglio di riparare con questi:

Sotto terra e sott'acqua Elecatakids il libro dei perchè editoriale scienza
inventario mare ippocampo edizioni Tutte le pance del mondo Lucia scuderi Donzelli editore

A questo link la mia videorecensione “tutte le pance del mondo”.

Questa è anche l’età giusta per introdurre con più sistematicità anche la lettura delle fiabe classiche della tradizione e, al tempo stesso, leggerne la riscrittura ironica nella versione “strampalata” di un autore come Giovanni Rodari: A sbagliare le storie, Le fiabe al rovescio.

Anche alcune Favole di Esopo possono essere adatte a questa età.

          A sbagliare le storie Gianni Rodari emme edizioni Le favole di esopo Roberto piumini Anna Curti einaudi edizione Le mie fiabe preferite - fiabe della tradizione

Dai 5 ai 6 anni il bambino si prepara a un altro grosso cambiamento: l’ingresso alla scuola primaria, in questa fase di passaggio è possibile passare a narrazioni più lunghe e strutturate.

        Chissà se incontrerò il lupo valentina edizion Pinocchio Nicoletta Costa Giusi Quarenghi Giunti kids Anselmo va a scuola Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani

Tuttavia, è importante preservare l’abitudine di leggere gli albi illustrati perchè continuare a coltivare il linguaggio delle immagini è fondamentale per imparare a distinguere ciò che ha valore da ciò che non lo è, soprattutto in una società come quella attuale dove si è costantemente bombardati da immagini di dubbio gusto e dozzinali.

La raffinatezza delle immagini nonché la cura del dettaglio che caratterizzano gli albi illustrati educano infatti al gusto, al bello, all’armonia delle forme, all’accostamento dei colori creando le basi per una “alfabetizzazione visiva”.

Il cane e la luna Orecchio Acerbo Alice Barberini

                      Un leone a Parigi Beatrice Alemagna Donzelli editore Via buio, togliti Simona Rea Topittori

Ricordiamoci che Un libro illustrato è la prima galleria d’arte che un bambino può visitare (Kveta Pacovská).

Per questo motivo i 5 anni è l’età perfetta anche per i silent book. Ovviamente a questa età si possono azzardare anche silent book  che si prestano a più piani di lettura e a diverse interpretazioni.

                Professione coccodrillo Giovanna Zoboli Mariachiaria di giorgio Topipittori Mentre tu dormi Carthusia edizioni

Se volete approfondire alcuni libri qui proposti, vi invito a iscrivervi al mio canale youtube per vedere la gallery di tutti i libri ad oggi video recensiti, tra i quali troverete anche Professione Coccodrillo e Mentre tu dormi.

Buona lettura e buona visione 😉

 

 

 

Commenti