L’arrivo di un fratellino o di una sorellina può essere un momento molto delicato. Sicuramente rappresenta un cambiamento “improvviso” nella vita di tutta la famiglia, ecco perché è bene preparare il primogenito con qualche mese d’anticipo rispetto al lieto evento.

Eviteremo così che i nostri figli possano vivere la nuova situazione solo come un “dimezzamento” dell’attenzione genitoriale, creando le giuste premesse per presentare l’evento come qualcosa di potenzialmente arricchente per tutta la famiglia.

Quando arriva un fratellino o una sorellina Quando arriva un fratellino o una sorellina

Quando sono rimasta incinta del secondo, essendo figlia unica, mi sono sempre chiesta cosa potesse significare avere un fratello e ricordo che, durante un’aperitivo, una mia cara amica (non figlia unica), tra una nocciolina e una patatina, per rendermi l’idea mi aveva detto: “Considera che è come se dalla sera alla mattina tuo marito si presentasse a casa (dopo un periodo di assenza) con un’altra donna e ti dicesse “da oggi nella nostra famiglia ci sarà anche lei a condividere il nostro letto, e non fare la gelosa eh”.

Che mazzata…

Quindi come avrei potuto far passare a mio figlio il concetto che avere un fratellino fosse la cosa più bella del mondo?

Quando arriva un fratellino o una sorellina

Di sicuro dovevo smettere di dare per scontato che fosse così e basta, ma portarlo gradualmente, mettendomi nei suoi panni,  a comprendere che “se la famiglia raddoppia, l’amore non sarà suddiviso, bensì moltiplicato”.

E questo vale ovviamente per entrambi. Ma non varrebbe altrettanto per la concubina di mio marito, sia chiaro. La famiglia cresce e quindi bisogna ritrovare un nuovo equilibrio sul quale sintonizzarsi tutti in armonia e bisogna anche prevedere momenti di gelosia.

Tra l’altro, a me è successo che inaspettatamente fosse il secondogenito più “geloso” del primo…

A volte mi chiedo se sia dovuto a una semplice questione di carattere, oppure se la mia preoccupazione di non far sentire il primogenito messo in secondo piano abbia fatto sentire così il secondo, che se vogliamo proprio dirla tutta non ha mai provato l’ebrezza di essere “l’unico”.

Ma questa è ancora un’altra storia di cui parlerò nel prossimo post sulla gelosia tra fratelli.

Quando arriva un fratellino o una sorellina Quando arriva un fratellino o una sorellina

Ciò che per ora mi preme sottolineare è che anche la gelosia può essere costruttiva e non  per forza sperimentarla è un male. Secondo il famoso pediatra e psicoanalista inglese Donald Winnicot, infatti, “il bambino che ha avuto modo di sperimentare, affrontare e superare la gelosia nell’infanzia, saprà gestire meglio questo sentimento anche in età adulta”.

Le persone molto gelose, infatti, secondo Winnicot hanno spesso avuto da piccole la sfortuna di non aver potuto esprimere la propria gelosia e aggressività. Se, invece, avessero avuto questa possibilità, allora sarebbero riuscite a superare la gelosia e se ne sarebbero liberate, come succede alla maggior parte dei bambini.

E per facilitare l’espressione di emozioni e stati d’animo da parte del primogenito, è fondamentale coinvolgerlo negli imminenti cambiamenti già durante la gravidanza.

Ecco alcune cose che io ho fatto e che mi hanno aiutato in questa direzione:

Affidiamogli piccoli compiti da svolgere. Quando il fratellino sarà nato, ricordiamoci di affidare al grande dei semplici incarichi che riguardino il nuovo arrivato, come andare a prendere il cambio del pannolino, controllare se il bambino dorme, spingere la carrozzina, e ringraziarlo sempre per l’aiuto  che ci dà. Questo aiuta a coinvolgerlo attivamente nei nuovi cambiamenti e a responsabilizzarlo in questa delicata fase.

Festeggiamo il nuovo nato, ma non solo lui… Capita spesso che – presi dall’emozione del nuovo arrivo – ci si dimentichi di prestare attenzione al figlio più grande. E’ bene avvisare amici e famigliari rispetto a questo punto, sottolineando che da festeggiare non c’è solo la nascita del fratellino, bensì il fatto che il nostro primogenito è diventato fratello maggiore.

Leggere favole in tema… Un altra cosa che mi ha aiutata in questa fase di passaggio è stata la lettura di alcuni libri assieme a mio figlio. Ad esempio, quelli in cui il protagonista diventa un fratello maggiore, perché ci danno la possibilità di nobilitare questo nuovo ruolo agli occhi del bambino, facendolo così sentire importante e responsabilizzato.

Quando arriva un fratellino o una sorellina Quando arriva un fratellino o una sorellina

I libri hanno il potere di mostrare ai bambini qualcosa che concretamente ancora non è visibile, ma che può solo “immaginare”. La stessa idea di pancia che cresce con dentro il fratellino non è semplicissimo da passare, e il libro giusto ci aiuta a passare il concetto con le giuste parole e immagini.

Quando ero in attesa di Mattia, ho letto a Giacomo parecchi libri che mi hanno aiutato in questi e altri compiti e ho pensato di riassumerli per voi in un video che posto qui di seguito… buona visione!

Nel pancione della mamma  Alice sorella maggiore Luca avrà una sorellina Lisa e il pancione della mamma
Il pancione della mamma di Jo Witeck Alice sorella maggiore di Giorgia Cozza Luca avrà una sorellina di Pauline Oud Lisa e il pancione della mamma

Benvenuto Fratellino – Benvenuta sorellina

Benvenuto fratellino benvenuta sorellina

Commenti